DELIBERATO IL RICORSO AL TAR LAZIO SUL DM SALUTE 2 AGOSTO 2017 - IPASVI
1162
post-template-default,single,single-post,postid-1162,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_slide_with_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

DELIBERATO IL RICORSO AL TAR LAZIO SUL DM SALUTE 2 AGOSTO 2017

DELIBERATO IL RICORSO AL TAR LAZIO SUL DM SALUTE 2 AGOSTO 2017

Collegio Provinciale Carbonia –  Iglesias

Prot. 000447/2017 – Carbonia Iglesias,  lì 8 Settembre 2017

Agli iscritti all’Albo Ipasvi Carbonia Iglesias

Oggetto: deliberato il ricorso al Tar del Lazio avverso il DM Salute 2 Agosto 2017

Analizzate le ricadute del DM sulle società scientifiche, il Consiglio Direttivo ha deliberato di dare mandato ai propri legali di predisporre e presentare un ricorso al TAR Lazio avverso al Decreto del Ministro della Salute in cui vengono stabiliti i requisiti necessari per l’iscrizione all’Elenco delle Società scientifiche e delle Associazioni Tecnico scientifiche così come previsto dal comma 2 dell’articolo 5 della legge n. 24 del 2017.

Tra il Decreto Balduzzi: “L’esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve” e la Legge 24/2017 “Gli esercenti le professioni sanitarie (…) si attengono,  salve le  specificità del caso  concreto, alle raccomandazioni previste dalle linee guida pubblicate (…) ed elaborate da enti e istituzioni pubblici e privati nonché’ dalle società scientifiche e dalle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie iscritte in apposito elenco istituito e regolamentato con decreto del Ministro della salute”, si è inserito Il Decreto del Ministero della Salute, che declina la norma individuando criteri che di fatto escludono dalla possibilità di iscrizione tutte le professioni sanitarie… tranne quella medica.

Poiché essere esclusi da quest’ambito riteniamo significhi:

  1. creare un danno alla Professione Infermieristica anche del ns. territorio;
  2. affermare che in Italia l’Infermieristica non ha dignità scientifica, perché non vengono riconosciute le evidenze prodotte.
  3. subire una ulteriore vessazione professionale da parte di chi non vuole riconoscere l’evoluzione specialistica di una parte fondamentale del nostro Sistema Salute.
  4. svilire quanto prodotto da anni da molti Professionisti Infermieri riuniti in solide, importanti, autorevoli e storiche Associazioni tecnico-scientifiche

e noi invece riteniamo l’infermieristica in grado di produrre evidenze appannaggio della comunità professionale, all’unanimità il Consiglio Direttivo ha deliberato di procedere per i diritti dei cittadini e degli iscritti all’Albo.

Per il Consiglio Direttivo IPASVI Carbonia Iglesias

ipasvi ci-deliberato ricorso Tar Lazio